Un pomeriggio di sport e amicizia. Si tinge di azzurro il tavolo dello Sport

Pubblicata il 20/03/2019

Un pomeriggio emozionante quello vissuto sabato 16 marzo dalla squadra degli assessori e consiglieri allo sport del Camposampierese che, rinforzati dall’innesto di alcuni amici, hanno affrontato la Nazionale Italiana di Calcio a 7 per atleti colpiti da paralisi cerebrale alla nascita o a seguito di un trauma.
La disciplina è entrata ufficialmente nel programma dei Giochi Paralimpici nel 1984.
Le regole sono simili a quelle del calcio praticato da normodotati: si gioca con sette giocatori su un campo di dimensioni ridotte. Non esiste il fuorigioco e le rimesse in campo possono essere effettuate con una sola mano. In Italia la disciplina è stata riconosciuta dalla FISPES (Federazione Italiana Sport Paralimpici e Sperimentali) nel 2013.
La Nazionale, di cui fanno parte calciatori provenienti da tutta Italia, ha partecipato nel 2017 al torneo di internazionale di Barcellona classificandosi quarta ed è reduce dalla vittorio al torneo internazionale di Lavamund in Austria
La partita contro la squadra del Tavolo dello Sport del Camposampierese è stata disputata nel campo di calciotto della Virtus Agredo Savio, a Rustega e si è conclusa sul punteggio finale di 3-3, dopo un’altalena di emozioni.
L’incontro serviva come preparazione al trofeo internazionale di Barcellona, in programma nella prima parte del mese di giugno.
È stata, quindi, un’ottima sgambata per i ragazzi guidati in panchina da Simone Pajaro.  Assai apprezzato il “terzo tempo” in stile rugbystico.
 


Facebook Google+ Twitter
torna all'inizio del contenuto